Ve l’immaginate due grandi attori – uno italiano, l’altro americano – a duettare per il sollazzo del pubblico di casa nostra? Gigi Proietti e Jim Belushi (che in carriera ha saputo cogliere il miglior frutto dell’onerosa eredità lasciatagli dal geniale fratello John dei Blues Brothers), hanno reso l’immaginazione realtà.

E’ successo in occasione della prima giornata (ieri, 25 settembre con conclusione il 30) della quinta edizione del RomaFictionFest, la manifestazione dedicata ai telefilm che riscontrano grande successo anche nel Belpaese. I due – in questo caso in versione comica – sul palco dell’Auditorium Parco della Musica (le altre sedi della manifestazione sono l’Auditorium della Conciliazione, mentre alla Casa del Cinema si terrà la retrospettiva Noi ridevamo, che renderà omaggio a Walter Chiari, Vittorio Gassman, Ugo Tognazzi e Nino Manfredi, con la proiezione di alcuni loro lavori) ci si sono fiondati anche per ricevere l’Excellence Award, premio speciale assegnato ogni anno. In particolare per Belushi (Proietti è un nostro ‘monumento’, a prescindere) l’onorificenza è stata riservata grazie alla parte da protagonista nell’esilarante La vita secondo Jim, serie che conta milioni di spettatori negli Usa e tantissimi anche in Italia, sia ‘in chiaro’ che sulla tv satellitare. L’attore, inoltre, sempre ieri ha tenuto anche una masterclass (lezione) aperta al pubblico.

Prevista l’anteprima di tredici fiction italiane e ventitré straniere e una serie di convegni e altre masterclass sul futuro della televisione e sul ruolo dei film-tv al giorno d’oggi. Programma polposo. Tra le molte fiction italiane in anteprima, si è già visto ieri Il signore della truffa, interpretato proprio da Proietti, il primo episodio della terza serie di Tutti pazzi per amore, che oggi (26 settembre) verrà presentato dall’intero cast, mentre domani sarà la volta di Per troppo amore, diretto da Liliana Cavani, sulla violenza contro le donne. Mercoledì 28 verrà proiettato il primo episodio della undicesima stagione di Distretto di polizia. Sempre stasera è attesa anche la premessa di Area Paradiso, esordio alla regia di Diego Abatantuono. Di nuovo domani sarà una serata speciale con l’anteprima europea di Terra Nova, la serie tv prodotta da Steven Spielberg, ispirata alla saga di Jurassic Park.

Sul fronte delle fiction Usa l’attesa è soprattutto per gli ultimi due episodi della fortunata serie Smallville, per l’anteprima di Once Upon a Time e Pan Am e per la nuova serie di Charlie’s Angels. Oltre alle anteprima, al Festival verranno ospitati tre convegni, sul Fondo della Regione Lazio per il Cinema, su come le serie stanno cambiando la vita del piccolo schermo e sulle nuove offerte tv per i ragazzi.

A proposito di Regione Lazio, non sono mancate le polemiche relative a presunti debiti (si parla di quattro milioni e trecentomila euro) derivanti dalle precedenti edizioni, polemiche messe in evidenza da un servizio di Striscia la notizia. E l’appuntamento di quest’anno costerà altri tre milioni, per cui si annuncia “un’edizione sobria”, come ammesso dalla presidente della Giunta regionale, Renata Polverini. A stemperare il clima di tensione ha pensato lo stesso Jim Belushi dopo la conferenza stampa di ieri: “Entrando qui mi sono accorto che c’era un’aria molto seria, anche se si doveva parlare di spettacolo: sembrava un’aula in cui si svolgeva un’udienza per concedere la libertà condizionata a qualcuno. Si è parlato molto di debiti: io ho qualche euro da prestare, se volete”, ha detto l’attore americano, tirando fuori dal portafogli delle banconote da distribuire tra la platea. La solita figuraccia italiota.

Vanessa Incontrada farà da madrina alla kermesse (nonostante tutto, uno dei più importanti festival internazionali dedicati alle serialità televisive) promossa appunto dalla Regione Lazio e dalla Camera di Commercio di Roma.

© Rivoluzione Liberale

CONDIVIDI