Sugli effetti per l’Unione Europea e per l’intero Occidente delle elezioni presidenziali in Francia

L’elezione di Emmanuel Macròn rende certamente l’Unione Europea più compatta che prima, ma accentua con pari evidenza nell’ambito dell’Occidente  la divisione dell’ Europa continentale...

Una diversa lettura del voto francese

Il successo della candidata della Destra nazionalista al primo turno delle elezioni francesi ha sorpreso solo chi non aveva saputo cogliere ciò che era,...

Contributo al congresso del PLI

Come tanti, ho la sensazione che questi anni saranno decisivi per il futuro dell’Italia e dell’Europa. L’ordine, interno ed internazionale, che durava dalla fine...

Nazione e globalizzazione

A parafrasare Marx la vecchia talpa ha scavato ancora (e gli europei se ne sono accorti). Dopo un dopoguerra connotato da un tendenziale...

Svarto, sempre attuale

Religione e letteratura ci hanno tramandato tanti esempi di traditore da Giuda in giù; e il traditore – in generale - è il...

Sentimento ostile,Zentragelbiet e criterio del politico

Scrive Clausewitz, nelle prime pagine del Vom Kriege, che la guerra, sotto l’aspetto delle di essa tendenze principali si presenta come un triedro composto: “1....

Contributi al dibattito per il 30° Congresso del PLI

Forse siamo alla vigilia di un evento che potrebbe avere ripercussioni  di carattere generale, anche al di la della specifica area di riferimento ed...

Le elezioni in Olanda

Nei Paesi Bassi c’è un proverbio che recita: “Beter een goede buur dan een verre vriend” (“Meglio un buon vicino di un amico lontano”). Il...

Un 8 marzo di libertà

Mi chiedo se abbia ancora senso ricordare l'8 marzo (e uso la parola ricordare, e non festeggiare, non a caso), e me lo chiedo...

Le origini dell’anomalia italiana

Il fondo del Tirreno di lunedì, “L’anomalia dei 25 partiti” di Alessandro Volpi, interpreta in modo assai distorto il fenomeno dell’esserci oggi in Parlamento...

Ultimi articoli